Viva Dante 700: Che può insegnarci il Sommo Poeta sul lavoro, l'amore, l'arte e la vita: : Inferno, Canto IV, Parte 2: Il posto dell'intelletto nella vita di fede


Una serie di Reading Room su La Divina Commedia
di Daniel Ross Goodman

Dante e Virgilio proseguono attraverso una foresta, una foresta di <<fantasmi folti>>. Non molto lontano in questa foresta Dante vede un fuoco divampare nell'oscurità. Anche se sono ancora un po' distanti da essa, Dante riesce a vedere che ci sono diverse persone vicino alla luce. Dante chiede a Virgilio quale merito abbiano queste persone di essere separate dal resto del Limbo e di poter godere di un po' di luce in mezzo alle tenebre che caratterizzano il resto del primo girone dell'Inferno. <<Queste sono le persone con un buon nome>>, gli dice Virgil. 
Anche se non sono stati battezzati, la loro reputazione di buon comportamento ha guadagnato loro il favore in Paradiso, e questo favore ha concesso loro questa leggera tregua dall'Inferno e questo posto relativamente onorevole nel Limbo.
 Nel frattempo Dante sente qualcuno, che a quanto pare ha riconosciuto Virgilio, gridare: «Ogni onore sia al sommo poeta». Dante allora vede avvicinarsi quattro grandi spiriti; questi spiriti (o <<ombre>>, come Dante di solito chiama le anime che vede negli Inferi) non appaiono né lieti né tristi. Virgilio racconta a Dante che il primo, armato di spada, è Omero, <<Poeta sovrano>>; il successivo è Orazio, <<il satirico>>; il terzo è Ovidio e il quarto è Lucano. E siccome anch'io sono del loro genere, dice Virgilio, cioè poeta, ho potuto conquistare anche questo onorevole posto nel Limbo. 
 I quattro grandi poeti classici - Omero, Orazio, Ovidio e Lucano - parlano tra di loro e poi salutano Dante con un cordiale saluto, la cui vista fa sorridere Virgilio. Dante ci dice che questi poeti volevano fare di Dante il sesto (Virgilio essendo il quinto) del loro branco. Insieme viaggiano fin dove li porterà la luce fino a raggiungere i piedi di un castello dalle alte mura, circondato da fossati, con sette mura e sette porte; sono in grado di camminare sull'acqua come se camminassero sulla terraferma. Passando attraverso i portali, raggiungono un fresco prato erboso. Dante intravede sul prato alcune persone che si muovono lentamente; hanno un portamento solenne e autorevole. Anche se non parlano molto, Dante può dire che le loro voci sono molto gentili.
 Dante e Virgilio si spostano da un lato, verso una zona più alta e illuminata del prato da dove riescono a vedere meglio queste persone. Da qui Virgilio può indicare a Dante chi sono queste persone — e sono persone così eminenti (ora spiriti, o <<ombre>>) che la sola vista, dice Dante, basta a farlo sentire esaltato. Vede Elettra (la madre del fondatore di Troia), con molte sue compagne; i grandi eroi troiani Ettore ed Enea; Cesare vestito di armatura, con occhi da falco; e altri eroi-guerrieri alleati di Troia che combatterono a fianco dei Troiani durante la guerra di Troia. Vede Lavinia, figlia del re del Lazio e moglie di Enea, e altri primi eroi romani che furono determinanti nella fondazione della Repubblica Romana, nonché figure significative della successiva Repubblica Romana (e dell'eventuale Impero Romano), tra cui Giulia, figlia di Cesare e moglie di Pompeo; Marcia, seconda moglie di Catone; e Saladino, il famoso capo delle forze musulmane che si opposero ai crociati durante il XII secolo.
 Dante alza un poco gli occhi e vede <<il Maestro>> di <<tutti quelli che sanno>>, seduto con il proprio gruppo di compagni, guardato e onorato da tutti quelli che lo circondano. È Aristotele, accompagnato da Platone e Socrate. Accanto a loro si trovano Democrito, il filosofo e scienziato greco che propose l'esistenza degli atomi, e altri grandi greci uomini di apprendimento: Diogene (fondatore della scuola filosofica del cinismo), Empedocle (ideatore dell'idea che il mondo sia composto da quattro fondamentali elementi), Zenone (uno dei primi filosofi stoici) e i filosofi presocratici Anassagora, Talete ed Eraclito. Dante vede anche il leggendario musicista mitologico Orfeo, ei grandi oratori romani Cicerone, Livio e Seneca; il grande geometra Euclide; l'astronomo Tolomeo; e i primi grandi scienziati medici classici, Galeno e Ippocrate. Tra questo gruppo Dante vede anche Avicenna e Averroè, i grandi filosofi islamici che, attraverso i loro commentari ad Aristotele (che furono poi tradotti in latino), furono responsabili dell'introduzione della filosofia greca classica nel mondo cristiano medievale.
 Dante ci dice che non può descriverli tutti, perché il suo tempo lì deve essere breve; Virgilio lo sta portando avanti, perché devono passare alla fase successiva del loro viaggio attraverso gli Inferi, lontano da questa zona illuminata e placida e di nuovo verso il luogo oscuro dove l'aria stessa trema...

In questa scena straordinaria - quanto di più vicino a un equivalente letterario che sia mai esistito al famoso affresco della Scuola di Atene di Raffaello (1511) - Dante ci porta nel luogo del Limbo dove si sono riunite tutte le grandi figure della cultura classica. Dante colloca i grandi uomini di cultura e alcuni dei rinomati leader militari e politici maschili e femminili dell'antica Roma in un'area speciale e separata del Limbo, riflettendo la sua profonda convinzione che le buone azioni e l'azione politica e sociale costruttiva, nonché una sincera devozione alla vita intellettuale è salvifica. Nella mente di Dante (e nella mente di quasi tutti gli altri teologi cristiani del suo tempo) queste cose non erano sufficienti per guadagnarsi un posto in Paradiso, ma per Dante vivere una vita simile poteva almeno aiutare a sfuggire ai tormenti dell'inferno.
 Questa non era una presa di posizione da poco per Dante. La tendenza dominante nella teologia cristiana nel Medioevo era che tutti gli individui non battezzati fossero condannati all'inferno. Non importa quanto sia stata buona la vita che si possa aver vissuto, se non si accettasse Cristo, la propria anima sarebbe condannata all'inferno per l'eternità, secondo la teologia cristiana. Dante accettò quasi tutti i principi della teologia cristiana medievale e La Divina Commedia riflette il profondo impegno di Dante per queste credenze. Ma non accettò questo insegnamento particolarmente cristiano. Invece di collocare questi individui nell'inferno reale, Dante li colloca nel Limbo, un significativo allontanamento dalla teologia cristiana della sua epoca e un allontanamento che dimostra che il suo amore e impegno per l'apprendimento classico è equamente forte del suo impegno per la sua fede cristiana.
 Fede e ragione, religione e intelletto, non devono essere separate l'una dall'altra. Si può essere religiosi e ancora impegnati in una vita di apprendimento e viceversa. La Divina Commedia di Dante è la più grande prova che abbiamo per questa proposta, e questo canto potrebbe essere la più grande illustrazione in tutta la Divina Commedia di questa idea. Tale illustrazione sarebbe stata duplicata solo in seguito nella già citata Scuola di Atene di Raffaello duecento anni dopo.
La Scuola di Atene, forse una delle immagini più riprodotte nella storia dell'arte, raffigura anche un raccolta di molte delle figure più famose della scienza e della filosofia classiche: Platone, Aristotele, Tolomeo ed Euclide; Pitagora, Archimede, Diogene ed Eraclito; Parmenide, Averroè e Democrito, tra gli altri. Molti di noi hanno probabilmente visto questa immagine innumerevoli volte in una grande varietà di contesti. Ma forse non sapevamo (o, se lo sapevamo, potremmo spesso dimenticare) che questa immagine era originariamente dipinta sulle pareti del Palazzo Apostolico in Vaticano, dove è ancora visibile oggi.
 La vita della mente può — e, secondo Dante e Raffaello, dovrebbe — convivere ugualmente con la vita dell'anima. Coltivare sia le nostre menti che le nostre anime è la chiave per la vera fioritura umana, per Dante, in questa vita e nella prossima. La prossima volta che un predicatore o un pastore ti dice che devi chiudere la tua mente o sacrificare il tuo intelletto per essere una vera persona di fede, indicalo alla Scuola di Atene, e all'Inferno, Canto IV - e al fatto che se il Papa commissionò la Scuola di Atene a Raffaello, e se Dante - il più grande scrittore teologico cristiano nella storia della letteratura mondiale - compose l'Inferno, Canto IV - forse la lezione che tali predicatori dovrebbero insegnare è che le persone di fede non possono essere veramente religiose senza letteratura, scienza, filosofia e astronomia.


Comments: