Viva Dante 700: Che può insegnarci il Sommo Poeta sul lavoro, l'amore, l'arte e la vita : Inferno, Canto IV: Sii discernimento nell'amore

Una serie di Reading Room su La Divina Commedia
di Daniel Ross Goodman

Dante e Virgilio lasciano il Limbo e si fanno strada nel secondo girone dell'Inferno. Questo cerchio è di dimensioni più piccole del primo (l'Inferno di Dante ha la forma di un cono rovesciato, in modo che ogni cerchio occupi meno spazio di quello sopra di esso) ma <<tanto più grande nel dolore>>, perché il primo cerchio dell'Inferno era semplicemente Limbo; il secondo cerchio è dove iniziano davvero le vere punizioni dell'Inferno.


Dante e Virgilio vedono Minosse, l'ex re di Creta, figlia di Zeus e di Europa e giudice supremo degli Inferi. Minosse, un re durante la sua vita mortale, ora un mostro nell'aldilà, ha una lunga coda simile a un serpente e ringhia orribilmente. Una dopo l'altra le anime dei morti vengono davanti a lui per ricevere il loro giudizio. Li scruta, ascolta le loro confessioni, esamina i loro peccati e dà il suo giudizio arrotolando la coda: il numero di volte che avvolge la coda attorno al peccatore è il girone dell'Inferno a cui l'anima sarà mandata.
Minosse nota Dante e si rivolge a lui. Virgilio, pensando che Minosse stia cercando di dissuadere Dante dal suo viaggio, dichiara a Minosse che il viaggio di Dante attraverso gli Inferi è stato <<così voluto dove c'è il potere di fare / Ciò che è volute>>, e non deve essere impedito.
Dante ora comincia a sentire le grida intorno a lui crescere più forti. Viene in un luogo privo di luce; sente suoni che ricordano il fragore dell'oceano durante una tempesta di mare. Un uragano infernale sta travolgendo le anime senza sosta, facendole vorticare intorno, colpendole, aggredendole. Quando l'uragano li spinge verso il bordo di una scogliera, strillano, gridano ancora di più e maledicono il vento e Dio.
Dante comprende che questi peccatori sono i <<malfattori carnali>> - quelli colpevoli dei peccati di lussuria e di eccessiva indulgenza nei piaceri carnali - che lasciano che i loro appetiti sopraffanno la loro ragione. Sono spinti avanti senza sosta dall'uragano - su, giù, di lato, in ogni modo - senza speranza di riposo o conforto, senza nemmeno speranza di dolore minore.
Qui nel Canto V noi e Dante assistiamo finalmente ai primi castighi dell'Inferno per i peccatori autentici. I principi della punizione nell'Inferno di Dante seguono il modello del <<contrapasso>> (occhio per occhio): ogni punizione è progettata per adattarsi perfettamente al crimine. Abbiamo già visto questo principio: ricordiamo il Canto III, in cui coloro che erano neutrali nella loro vita, non si schieravano per nulla e non si schieravano nella lotta tra il bene e il male, erano condannati a inseguire uno stendardo che non rappresentava nulla. Ora che siamo nell'Inferno vero e proprio, incontrando veri peccatori - più avanziamo attraverso l'Inferno, più eclatanti saranno i peccatori che vedremo - possiamo aspettarci che la severità delle punizioni aumenti di conseguenza.
Il primo tipo di peccato che viene punito all'Inferno è il peccato di lussuria. È punito in una delle regioni più alte dell'Inferno, indicando che è uno dei peccati meno eclatanti. Questo perché Dante sa che la lussuria è spesso un ingrediente fondamentale nell'amore (che è una virtù). La lussuria porta all'amore, che porta al matrimonio, ai figli e alla perpetuazione della specie, e alla continuazione della storia umana. La lussuria è per il pianeta ciò che il lievito è per la pasta; senza di essa non ci sarebbero esseri viventi, così come senza lievito nella farina l'impasto non può lievitare per diventare pane. <<L'avidità è buona>>, ha detto il famoso Gordon Gekko, e così anche la lussuria. Potrebbe non far girare letteralmente il mondo, ma è ciò che consente all'umano (così come alla maggior parte del mondo animale) di continuare come lo conosciamo. 
Così, per Dante, la lussuria non può essere punita così severamente come gli altri peccati. Tuttavia, poiché è peccato quando è portato all'eccesso, deve essere punito. Ciò che è affascinante nella rappresentazione dantesca della punizione dei lussuriosi, tuttavia, è che questo peccato non viene punito nel modo in cui ci si potrebbe aspettare. Quando uno dei personaggi più notoriamente lussuriosi della storia della letteratura, il Don Giovanni di Moliere, riceve finalmente la sua punizione, viene inghiottito dal fuoco e portato all'Inferno in fiamme. Issione, il re di Tessaglia nella mitologia greca, fu punito allo stesso modo per la sua lussuria (nel suo caso, per il suo desiderio inappropriato per la moglie di Zeus) essendo stato fissato per l'eternità a una ruota di fuoco. Questo è probabilmente il modo in cui immaginiamo che il peccato di lussuria venga punito, in un modo caldo, ardente e soffocante che è parallelo alle passioni che hanno incitato il peccato. L'Inferno di Dante, tuttavia, non punisce coloro che sono colpevoli di lussuria con fuoco e fiamme, ma piuttosto con venti feroci e uragani violenti. Come mai?
Per Dante, le emozioni della passione ardente fanno parte della narrativa <<La lussuria è buona>>: si dovrebbe avere questo tipo di desiderio soffocante per il proprio partner. La lussuria diventa un peccato non quando brucia come il fuoco ma quando è fuori controllo come un uragano. Il desiderio controllato e diretto per il proprio partner è buono; il desiderio disinibito, che soffia in ogni direzione e induce una persona a prendere decisioni avventate e avventate a causa sua, è quando la lussuria attraversa il confine tra desiderio legittimo e depravazione illegittima.
Il problema, però, per Dante - e per noi - è che a volte è molto difficile dire quale tipo di lussuria ci stia possedendo. Come vedremo nella prossima sezione di questo canto, ci sono state molte persone - inclusi i famosi personaggi storici lussuriosi che incontreremo in seguito - che sono state punite tra i peccatori lussuriosi ma la cui lussuria era anche legata a persone che amavano legittimamente e legittimamente . Tuttavia, incontriamo tali individui nell'Inferno di Dante perché nella loro lussuria per le persone che amavano si lasciavano trasportare e sbattere dai suoi venti; piuttosto che controllare e sfruttare la loro lussuria, lasciano che la loro lussuria li controlli, perdendo il loro amore e se stessi nel processo.
Samuel Johnson ha affermato che i secondi matrimoni incarnano il trionfo della speranza sull'esperienza. Dante non sarebbe del tutto d'accordo con Johnson, ma sarebbe molto d'accordo con l'ammonimento implicito di Johnson che non dovremmo abbandonare la nostra ragione nella ricerca dell'amore. Dovremmo essere appassionati nell'amore e dovremmo anche bruciare di desiderio per i nostri partner, ma dovremmo stare estremamente attenti a non essere spazzati via - lontano dalle nostre responsabilità, dai nostri amici, dalle nostre comunità, dalle nostre missioni di vita e dal nostro buon senso - innamorato. La lussuria è buona; lasciarti picchiare e schiaffeggiare e frustarti come un bastone bloccato in un ciclone non lo è.


Comments: